ALLUMINIO SPLENDENTE PER L’INFERNO VERDE


Il nuovo Allianz Stadion convince la squadra e i fan con le sue peculiarità estetiche, una concezione ben ponderata e la moderna infrastruttura.

Un riverberante tunnel in alluminio color argento conduce, con suggestione futuristica, direttamente nell’«inferno verde» del nuovo Allianz Stadion, lo stadio di casa dell’SK Rapid di Vienna, ideato dall’architetto tedesco Guido Pfaffhausen. Il compito non era soltanto quello di costruire una struttura sportiva funzionale, ma di concepire un vero calderone in grado di catturare le emozioni dello stadio.

«Costruiremo un calderone, così stretto e dalle pareti così ripide da portare a ebollizione lo stadio»: così Guido Pfaffhausen ricorda la promessa fatta in previsione della realizzazione della nuova dimora del Rapid. Pfaffhausen, co-fondatore, 25 anni fa, dello studio «Architektur Concept Pfaffhausen + Staudte GbR» assieme alla collega paesaggista Sylvia Staudte, è specializzato nella costruzione di grandi impianti sportivi e palazzetti polifunzionali. Di conseguenza, conosce bene la sfida del dover conciliare la razionalità e la funzionalità di una nuova struttura o di un nuovo stadio con la sua vocazione a catalizzatore di energia e amplificatore di stati d’animo: «È un gioco di emozioni», glossa. «Di cosa ha bisogno la squadra per dare il meglio di sé, cosa può fare la felicità dei tifosi, come si fa a rendere una struttura redditizia e il gestore soddisfatto?», questi i principali quesiti riassunti da Pfaffhausen.

QUEL CHE CONTA È L’ATMOSFERA

Per esperienza Pfaffhausen sa che il successo di uno stadio sta nel feeling che riesce a trasmettere. «La tua squadra, la tua città, la tua associazione ci si devono rispecchiare». Quest’idea di base l’aveva già chiara fin dalla prima bozza: lo stadio doveva essere il più possibile ripido e stretto così da generare in ogni visitatore la sensazione che fosse pieno. Contemporaneamente si è prestata grande attenzione alla visibilità, poiché da ogni posto degli spalti si deve avere una buona visuale del campo di gioco e non della nuca dello spettatore seduto nella fila davanti. In più, un progetto di simili dimensioni deve rispondere a tutta una serie di criteri formali quali vie di fuga, impianti igienico-sanitari e accessi senza barriere. 

UN TUBO A PRESA DIRETTA CON IL CUORE DELLO STADIO

Percorrendo un ingresso cilindrico di 20 metri di diametro i fan si spingono nel cuore dello stadio del Rapid. Sulla facciata troneggia lo stemma del club. La canna rappresenta uno dei due elementi base della costruzione. Il secondo è l’arena, denominata «inferno verde». «Volevamo dar vita a una costruzione inondata di luce, il cui colore dominante fosse il verde. Quando hai a che fare con il mondo dello sport e del calcio ti è concesso lavorare con i colori. Se il colore del club è il verde, allora anche lo stadio sarà verde. Si trattasse di un edificio concepito per l’arte o per la cultura, o di un museo, la penserei diversamente, ma qui lavoriamo massicciamente con le emozioni. Ora lo stadio splende sotto i riflettori come una gemma verde», spiega l’architetto.

COME UN’ASTRONAVE

La canna è l’arteria fondamentale dello stadio. Al suo interno si trovano varie aree di accoglienza, i palchi, l’ufficio amministrativo del Rapid, alcuni fan shop, la reception centrale e il museo «Rapideum». «Per conferire alla canna un taglio moderno abbiamo immaginato una facciata obliqua chiusa con vetri. Tutta la superficie laterale, invece, è in argento liscio, a mo’ di astronave», ecco come Pfaffhausen descrive la sua creazione.

A seguire, la scelta dei materiali è stata veloce. Da considerare c’erano diversi fattori. Fra copertura e facciata doveva, anzitutto, crearsi una soluzione di continuità, quasi fossero state realizzate in un’unica colata, effetto che si è potuto ottenere alla perfezione grazie al pannello composito della PREFA. Questo, anzi, ha permesso di attuare perfino i dettagli più complicati, come le numerose curvature e i raccordi delle finestre. Il risultato estetico è quello di una struttura estremamente dinamica, dal fascino metallico, che ben si sposa con il verde e il cemento del resto. 

3000 METRI QUADRATI DI ALLUMINIO

Nel complesso sono stati posati circa 3000 metri quadrati di alluminio. «Una scelta di grande effetto nonché durevole nel tempo», sottolinea l’architetto. Non per nulla la vita utile è sempre stata un tema chiave dell’intero progetto. «Per esperienza posso dire che la disponibilità di prodotti come quelli a marchio PREFA semplifica la vita. In alternativa mi ritroverei soltanto con una lamiera e poi dovrei pensare io a cosa farne. PREFA, invece, dispone già di una vasta gamma di prodotti semilavorati», commenta Pfaffhausen entusiasta.

Fin dall’inizio il progetto prevedeva un determinato tetto di spesa: un budget esiguo con il quale si voleva tuttavia dar vita a qualcosa di originale. L’impiego dei prodotti PREFA rientrava nel margine di prezzo soddisfacendo appieno tutti i criteri. Per l’intera fase di progettazione la collaborazione fra l’architetto e il direttore dei lavori è stata eccellente. Anche i sostenitori del Rapid sono stati coinvolti nel processo di rifacimento del loro stadio, e questo in una fase assai precoce. Per esempio, si è loro permesso di contribuire alla concezione degli spalti e su loro richiesta le tribune sono state denominate non secondo i punti cardinali reali, ma secondo il loro vecchio nome. Il desiderio e lo scopo era quello di permettere a ciascuno di occupare esattamente lo stesso posto sulle tribune che aveva anche nell’ex Hanappi Stadion. E così si è fatto, nonostante l’edificio attuale risulti ruotato di 90 gradi rispetto al precedente. In più si è preservato e integrato un palo dei riflettori della vecchia struttura. 

IL MICROCOSMO DEL RAPID

L’Allianz Stadion rappresenta e ospita un microcosmo a sé stante. Per esempio ha una propria moneta, il Rapid-Mari€ e la gastronomia a tema è molto varia. Ad ogni modo, l’architetto dalla Germania è fiero del progetto che ha ideato per Vienna. «In una città così straordinaria hai realizzato un progetto di questo calibro. È una questione d’onore e un prestigio che nessuno potrà più toglierti», conclude Pfaffhausen.

SCHEDA PRODOTTO: PANNELLO COMPOSITO IN ALLUMINIO

MATERIALE

alluminio preverniciato a nastro sulle facce anteriore e posteriore, anima FR (flame retardant) 

COLORE
silver metallizzato
PESO

7,5 kg/m²

DIMENSIONI

4010 × 1500 × 4,0 mm, con possibilità di realizzare altre misure, misure eccezionali e lavorazioni aggiuntive (taglio, fresatura, foratura)

Materiale informativo

ORDINA GRATUITAMENTE I CATALOGHI

Scegli e ordina gratuitamente il nostro materiale informativo.

ORDINA ORA
NAVIGA NELLA FOTOGALLERY

NAVIGA NELLA FOTOGALLERY

Sei alla ricerca di una soluzione per il tuo tetto o la tua facciata? Lasciati ispirare dalla nostra fotogallery.

VAI ALLA GALLERIA
40 ANNI DI GARANZIA

ASPIRIAMO ALL'ETERNITÀ

40 anni di garanzia su colori e materiali. Una sicurezza che puoi garantire per iscritto ai tuoi clienti. 

MAGGIORI INFORMAZIONI
Contatti